La responsabilità professionale dell’Ortopedico

Segnaliamo la pubblicazione di un volume (link all’editore) coordinato dal nostro Socio Onorario Prof. Domenico Vasapollo, alla cui stesura hanno collaborato molti altri Soci Ordinari (Luigi Mastroroberto, Luca Cimino, Luca Pieraccini, Marco Monti, Andrea Casolino), oltre ad altri esperti della materia (Marco Bordoni, Fabio M. Donelli, Giuseppe Monetti, Renato Partisani). Il volume è presentato da Giuseppe Cassano con prefazione del Prof. Riccardo Zoia.

La responsabilità dell’ortopedico

Chiarimenti dell’AGENZIA delle ENTRATE sulla Fatturazione dei CTU

Si allega la nota di FNOMCeO (scaricabile qui) relativa ai quesiti posti all’Agenzia delle Entrate sulle modalità di fatturazione delle CTU, già oggetto di un primo chiarimento da parte del Ministero della Giustizia con circolare del 26/09/2018 (scaricabile qui). In sostanza si ribadisce quanto già diventato prassi presso il nostro Tribunale di riferimento dopo le delucidazioni e gli accordi intercorsi con la Segreteria Generale della Presidenza del Tribunale, ed oggetto di varie comunicazioni dall’AFMEL e dalla Sezione Provinciale del SISMLA, di cui si riporta il comunicato del settembre 2018 che già riassumeva le modalità di predisposizione delle fatture su liquidazione del Giudice in procedimento Civile.

Potete trovare l’indice completo degli IPA dei Tribunali di tutto il territorio italiano sul sito del SISMLA (link diretto al sito istituzionale del SISMLA).

Comunicato SISMLA – Sezione Provinciale di Bologna. 27.09.2018.

Con Circolare 9/E del 7/5/2018 l’Agenzia delle Entrate ha indicato le nuove modalità di fatturazione dei compensi dei CTU (art. 4.2. Oneri CTU a carico di soggetti split payment). Da tale interpretazione emerge che tutte le fatture emesse dal TU per il pagamento degli onorari stabiliti dal Giudice, emesse sia a Società, Enti Pubblici che a privati, devono essere intestate all’Amministrazione della Giustizia (il Tribunale di riferimento), committente non esecutrice del
pagamento, con “solutio” a carico della parte/i onerata dal Giudice, quale parte esposta all’onere economico del pagamento quale titolare passivo del rapporto di debito. Già diverse compagnie ed Enti Pubblici hanno inviato circolari affinchè vengano corrette le fatture a loro inviate in qualità di titolari passivi del debito. Essendo il Committente una Amministrazione della Giustizia, la relativa fattura deve già essere effettuata come fattura elettronica ed instradata al relativo sistema di smistamento PA, con produzione al soggetto “pagante” del PDF o della fattura cartacea. Il Segretario Provinciale ha già interpellato la Segreteria Generale del Tribunale di Bologna e l’Agenzia delle Entrate per ulteriori chiarimenti, ricevendo risposta dagli uffici competenti del Tribunale (che si allega al presente verbale). Allo stato attuale delle cose, in attesa di ulteriori chiarimenti, pare che il Tribunale metterà le fatture intestate nelle modalità indicate dall’Agenzia delle Entrate nella sezione “blocco fatture”. Giova tuttavia precisare che tale modalità non impedirà il saldo delle stesse (a carico di altro soggetto), ma solo la gestione passiva dell’IVA da parte del soggetto onerato (come indicato nell’articolo del 24 sanità, che si allega). La gestione fiscale per il CTU resta invariata (IVA da incassare dal pagatore e versare con F24 secondo usuale scadenziario), essendo stata abolita in questi casi l’applicazione dello Split Payement. Allo stato attuale si consiglia di predisporre le fatture per gli acconti e le liquidazioni secondo la nuova modalità, aggiungendo nella descrizione usualmente utilizzata la seguente voce e allegando sempre il Decreto di Liquidazione: “Fattura emessa ai sensi della circolare dell’Agenzia delle entrate n. 9/E del 7/5/2018. Amministrazione Committente non esecutrice del pagamento, con solutio posta a carico di XXXXXXXXXXXX come da decreto di liquidazione del G.I. Dott. XXXXXX datato XX/XX/XXXX, che si allega”.

La fattura dovrà seguire il percorso di fatturazione elettronico previsto per le PA. L’elenco degli indici IPA per la Pubblica Amministrazione si trova all’indirizzo istituzionale
https://www.indicepa.gov.it. Per il Tribunale di I grado di Bologna il relativo IPA dovrebbe essere QXNGZI (https://www.indicepa.gov.it/ricerca/n-dettagliouffici.php?prg_ou=66745).